Tasse sulle eredità un argomento scottante (parte 2)


tasse sulle eredita firma testamento

Tasse sulle eredità sempre più a rischio inasprimento 2.

Riprendo il discorso sulla situazione attuale in termini di eredità e le possibili contromisura.

Nell’articolo precedente avevo trattato la situazione al momento della scrittura ed avevo analizzato la differenza tra eredi legittimi e eredi legittimari, con la seguente tabella:

PROSPETTO PARENTI E AFFINI FINO AL 4° GRADO

GradiParenti in linea rettaParenti in linea laterale

Affini

I

Padre, madre e figliSuoceri con generi e nuore

II

Nonni e nipotiFratelli e sorelleCognati

III

Bisnonni e pronipotiZii e nipoti da fratelli e sorelleMoglie dello zio, marito della zia, moglie del nipote e marito della nipote

IV

Trisavi e trinipotiProzio o prozia o pronipote da fratello o sorella; cugini figli di fratelli o sorelleMoglie del pronipote e marito della pronipote; moglie del prozio e marito della prozia; marito della cugina e moglie del cugino

 

E adesso viene il bello!

D: Come viene suddiviso il patrimonio tra gli eredi e quali imposte gravano sulla nostra eredità?

R: Occorre procede a:

  1. Stima asse ereditario [ Asse ereditario = (Attività – Passività deducili) + Donazioni ];
  2. Determinazione e formazione delle quote di diritto (divisione de iure);
  3. Assegnazione delle quote di fatto (divisione de facto);
  4. Determinazione della base imponibile (D.Lgs. 346/1990);
  5. Calcolo e quantificazione imposte di successione e ipotecarie-catastali.

A questo punto si apre il differenziale delle quote in caso di successione legittima o successione testamentale.

Successione Legittima

Chiamati alla successioneQuotaRiferimenti Normativi Codice Civile
Figliin parti ugualiArt. 566
Genitori o genitore e Fratelli e sorelle1/2

1/2

Art. 571
Figlio unico e Coniuge1/2

1/2

Art. 581
Più figli e Coniuge2/3

1/3

Art. 581
Ascendenti e Coniuge1/3

2/3

Art. 582
Fratelli e sorelle e Coniuge1/3

2/3

 

Art. 582

Ascendenti e Fratelli e sorelle Coniuge1/4

1/12

2/3

 

Art. 582

Coniuge soloTuttoArt. 583
Altri parenti entro il VI° GradoTuttoArt. 565

Successione Testamentaria

LegittimariQuote di riserva o

legittima

Quote

disponibili

Riferimenti

Normativi Codice Civile

Figlio unico1/21/2Art. 537
Più figli2/31/3Art. 537
Soli ascendenti1/32/3Art. 538
Coniuge solo1/21/2Art. 540
Figlio unico e Coniuge1/3

1/3

1/3Art. 542
Più figli e Coniuge1/2

1/4

 

1/4

 

Art. 542

Ascendenti e Coniuge1/4

1/2

1/4Art. 544

Di seguito gli articoli della legislazione italiana che regolano le divisioni e le imposte.

– Divisione Ereditaria – Norme

Art. 727 c.c. – Norme per la formazione delle porzioni

Art. 727 c.c. – Immobili non divisibili

Art. 727 c.c. – Conguagli in danaro

Art. 2817 c.c. – (Ipoteca Legale) Persone a cui compete

Imposte Successione – Valore dei Beni e dei Diritti

Art. 14 – TUS – Beni immobili e diritti reali immobiliari

Art. 16 – TUS – Azioni e obbligazioni, altri titoli, quote sociali

Imposte Successione – Determinazione Imposta

Art. 20 – TUS – Passività deducibili

Art. 25 – TUS – Riduzioni dell’imposta

 

Imposte di successione, Donazione ipocatastali.

Come si determina il valore dell’immobile:

La base imponibile su cui applicare le aliquote è data dal valore catastale dell’immobile, cioè dalla rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per un coefficiente che è diverso a seconda della tipologia dell’immobile:

  • 40,8 per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E
  • 60 per i fabbricati di categoria A/10 (uffici e studi privati) e D
  • 110 per la prima casa e relative pertinenze
  • 120 per i fabbricati di categoria A e C (Escluse A/10 e C/1)
  • 140 per i fabbricati di categoria B

Per i fabbricati in costruzione o privi di rendita catastale il valore è quello di marcato ma il contribuente può richiedere l’attribuzione di rendita catastale.

Per i terreni edificabili, il valore è quello di mercato

Per i terreni non edificabili, il valore imponibile si determina moltiplicando per 90 il reddito dominicale rivalutato del 20%

Come vengono ripartite le imposte:

  • per il coniuge e i parenti in linea retta: imposta di successione del 4% da calcolare sul valore eccedente, per ciascun beneficiario, ai 1.000.000 di euro, imposta ipotecaria (2%) e imposta catastale (1%) o 200 euro per ciascuna imposta se per l’erede è prima casa;
  • per fratelli e sorelle: imposta di successione del 6%, da calcolare sul valore eccedente, per ciascun beneficiario, 100.000 euro, imposta ipotecaria (2%) e imposta catastale (1%) o 200 euro per ciascuna imposta se per l’erede è prima casa;
  • per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado imposta di successione del 6%, da calcolare sul valore totale (cioè senza alcuna franchigia), imposta ipotecaria (2%) e imposta catastale (1%) o 200 euro per ciascuna imposta se per l’erede è prima casa;
  • per le altre persone imposta di successione del 8%, da calcolare sul valore totale (cioè senza alcuna franchigia), imposta ipotecaria (2%) e imposta catastale (1%) o 200 euro per ciascuna imposta se per l’erede è prima casa;

tasse di successorie

Dal confronto con gli altri paesi Europei si nota che le soglie di esenzione sono di gran lunga più basse e le aliquote più elevate.

In Francia le aliquote variano in base al valore del bene e vanno dal 5 al 40% per i parenti in linea retta (per beni dal valore compreso tra 15.000 e 550.000 euro, si paga, ad esempio, il 20%); per i figli, inoltre, la franchigia è di soli 100 mila euro, ben più bassa rispetto a quella di 1 milione di euro prevista in Italia.

In Germania, sempre in base al valore dei beni ereditati, le aliquote variano dal 7 al 30% per parenti stretti, dal 15 al 43% per parenti di secondo grado e dal 30 al 50% per altri soggetti.

Nel Regno Unito, si ha una imposta unica sulle eredità del 40% e sulle donazioni del 20% senza distinzioni di grado di parentela.

confronto tasse eredità

Ciò significa che a breve, non prima della prossima tornata referendaria ma sicuramente subito dopo, ci troveremo a fare i conti con una diversa situazione impositiva non certo migliorativa.

Hai passato la tua vita a fare il capitano d’impresa, a prendere decisioni importanti per te e la tua azienda adesso lasci che lo stato decida per il bene della tua famiglia?

Vuoi lasciare che il frutto dei tuoi sacrifici venga intaccato da chi, prima di leggere questo articolo, non pensavi mai che possa avanzare pretese nei confronti dei tuoi cari.

Di sicuro un colloquio assieme a tre col tuo commercialista di fiducia è la decisione migliore che puoi prendere per toglierti da questa situazione imbarazzante, se non per te per i tuoi cari.

Contattami senza impegno e affrontiamo la situazione in modo che sii tu a decidere nei dettagli il futuro dei tuoi cari.

 

Se vuoi approfondire l’argomento o ti interessa essere ricontattato, compila il form sottostante.

 

Lascia un commento